DOMENICA 24 MARZO ESCURSIONE E PASSEGGIATA ALLA SCOPERTA DELLA RWM

Posted: Marzo 14th, 2019 | Author: | Filed under: Iniziative, Militarizatzione | No Comments »

 

 


DOMENICA 24 MARZO 2019 ESCURSIONE E PASSEGGIATA ALLA SCOPERTA DELLA RWM ITALIA SPA

Andiamo alla scoperta dell’azienda bellica più in voga del momento, 411 milioni di euro per 20 mila bombe!
Percorreremo i sentieri che tra boschi e pinete ci porteranno al Parchetto “Yemen”: lì esploreremo il perimetro dello stabilimento con attività di bomb-watching e sul belvedere mangeremo .      Fidati, il panorama è una bomba!

Due percorsi alternativi:

a) Escursione – partenza ore 9:00 appuntamento alla zona archeologica di Matzanni

b) Passeggiata – appuntamento ore 10:00 a Vallermosa area parcheggio della Weststation (SS-293, Km 22,27)

Trascorriamo insieme la vigilia del 4° anno di fruttuosi bombardamenti ai danni del più povero dei paesi arabi. Interrompiamo il più grande silenzio mediatico che una guerra abbia mai registrato.

Tra boschi e pinete potremo apprezzare paesaggi mozzafiato, siti di archeologia nuragica e industriale, e godere della vista di una fabbrica attiva in fase di espansione: il doppio degli impianti, il triplo delle bombe.

Dal Parchetto Yemen potrai vedere con i tuoi occhi lo stato dei lavori di ampliamento dello stabilimento, ammirarne l’integrazione nel paesaggio e constatare la sua capacità di produzione: più di 10 mila morti, 4 milioni di sfollati, 16 milioni di persone alla fame.

STOP RWM

CONTINUAMO A MOBILITARCI PER FERMARE LA FABBRICA DI BOMBE RWM 

 In questi ultimi anni è di nuovo alta l’attenzione nei confronti della fabbrica RWM Italia,
 azienda controllata al 100% dalla tedesca Rheinmetall AG e sita nei pressi di Domusnovas,
 nota per la produzione di armamenti utilizzati nella guerra nello Yemen (le ultime stime 
 parlavano di oltre diecimila vittime, ma il numero è cresciuto ed è destinato a incrementarsi).

 Grazie ad una commessa milionaria, la più grande nella storia d'Italia dal dopoguerra ad oggi,
 la La RWM Italia spa è al terzo posto per giro d’affari nel settore della difesa in Italia.
 Per questa ragione è stato previsto un investimento di 40 milioni di euro per il biennio 
 2017-2018,da destinare all’ampliamento dello stabilimento di Domusnovas.

 Le iniziative contro la cosiddetta “fabbrica di morte” sono state tante e diversificate.
 Tra le diverse azioni si può ricordare una due giorni a Cagliari di confronto sull’argomento,
 numerose manifestazioni di fronte allo stabilimento, un corteo funebre per le vie di
 Domusnovas e ripetuti tentativi di interrompere la produzione e bloccare i mezzi che
 trasportano gli armamenti.
 C’è chi, inoltre, attraverso sit-in e distribuzione di materiale informativo, non manca di
 “ricordare” alle istituzioni, da quelle sarde a quelle romane, la loro complicità nel massacro 
 in atto in Yemen.
 E chi, preoccupato per il pericolo che comporta vivere nei pressi di un deposito potenzialmente
 pericoloso come quello di Sa Stoia a Iglesias, ha costituito un’assemblea cittadina.
 Gli interventi finalizzati al raddoppio delle linee produttive e alla triplicazione della
 produzione, autorizzati o meno, stanno tutti procedendo. Numerose associazioni e sindacati 
 hanno appoggiato ricorso al TAR, in cui si deunciano le innumerevoli stranezze e irregolarità 
 nella presentazione dei progetti di espansione della fabbrica. 

 Purtroppo i lavori continuano fuori e dentro il perimetro. Sono iniziati i lavori di 
 realizzazione del Nuovo Campo prove R140 all'esterno dello stabilimento, mentre all'interno:
 sbancano, riempiono, costruiscono....insomma sono in piena attività.

 Premesso che i programmi della Rheinmetall-Rwm si stanno attuando e tenuto conto che quest'
 azienda ha da chiudere.

 NON CI RESTA CHE ANDARE A VEDERE COSA STANNO COMBINANDO!




 



Leave a Reply

  •