Posted: Maggio 16th, 2019 | Author: | Filed under: Spazio Sociale | No Comments »


ROVESCIARE L’EDUCAZIONE // 9-10 SETTEMBRE 2017

Posted: Agosto 12th, 2017 | Author: | Filed under: General, Iniziative, Spazio Sociale | No Comments »
9-10 SETTEMBRE 2017
ROVESCIARE L’EDUCAZIONE
Riflessioni ed esperienze sull’educazione libertaria
 
E’ possibile pensare una scuola in cui bambini e bambine, ragazzi e ragazze abbiano il diritto di decidere come, quando, che cosa e con chi imparare? Una scuola in cui abbiano il diritto di condividere le scelte che riguardano la propria scuola, in modo paritario?
L’educazione libertaria e le scuole che ad essa si ispirano cercano di disegnare un modello educativo diverso, in cui i bambini e le bambine, insieme ai loro accompagnatori/trici, diventano parte attiva del loro percorso educativo.
In questa due giorni cercheremo di capire la prospettiva dell’educazione libertaria e conoscere nel vivo come funziona una scuola libertaria a partire dall’esperienza de I Prataioli di Pavullo.
SABATO 9 SETTEMBRE H. 16.00 
L’educazione libertaria. Come ripensare un modello educativo
Francesco Codello, insegnante, dirigente scolastico, fondatore della REL
DOMENICA 10 SETTEMBRE H. 10.00-18.00
La libertà è un cammino che si costruisce insieme. Racconti di un’esperienza di educazione libertaria autogestita dell’appennino modenese. 
Claudio Orrù, Viola Bertoni, accompagnatori della scuola libertaria “I prataioli”
DOVE: Parco Lu Cantaru, SP 18 Sassari-Argentiera, km 24+300
MANGIARE E DORMIRE: sarà possibile mangiare per la cena del Sabato e il pranzo di Domenica. Inoltre, per chi desiderasse rimanere a dormire la notte del Sabato sono a disposizione alcuni posti tenda e possibilità di parcheggio per camper.
INFO: Per chi desidera partecipare, troverà nel Programma allegato tutti i dettagli.
Vi invitiamo a condividere con amici e amiche il materiale informativo (locandina e programma).
Vi aspettiamo!
 

Cena libertaria // Ricordi di una rivoluzione // 15 Giugno 2017

Posted: Maggio 24th, 2017 | Author: | Filed under: Dossier, General, Iniziative, Spazio Sociale | No Comments »


Resistere al nanomondo // Domenica 11 Dicembre s’idea libera // analisi e critica di nanotecnologie , biotecnologie, nocività e dominio dell’esistente

Posted: Novembre 29th, 2016 | Author: | Filed under: General, Iniziative, Spazio Sociale | No Comments »

INCONTRO E DIBATTITO CON I COMPAGNI SILVIA GUERINI E
COSTANTINO RAGUSA DEL GIORNALE “L’URLO DELLA TERRA” .
ANALISI E CRITICA DI NANOTECNOLOGIE,BIOTECNOLOGIE E
E DI COME LA CONVERGENZA DELLE SCIENZE,TRA NOCIVITA’ E
DOMINIO DELL’ESISTENTE,STIA EDIFICANDO UNA SOCIETA’
ARTIFICIALE E TECNO-TOTALITARIA.

PROIEZIONE DL VIDEO DOCUMENTARIO
“UN MONDO SENZA UMANI”

CENA VEGAN A PREZZI POPOLARI

SABATO 10 DICEMBRE (NUORO)
CIRCOLO MARX
VICOLO GIUSTI 15\A
ORE 19 INIZIO DIBATTITI

DOMENICA 11 DICEMBRE (SASSARI)
SEDE DEL COLLETIVO S’IDEA LIBERA
VIA CASAGGIA 12
ORE 17 INIZIO DIBATTITI

fai girare il più possibile e partecipa!!!

resistere-al-nanomondo


3 giorni Sassari Antimilitarista // 17 -18 – 19 NOVEMBRE

Posted: Novembre 16th, 2016 | Author: | Filed under: General, Iniziative, Spazio Sociale | No Comments »

locandina-3-giorni-antimilitaristi-page-001


PRESENTAZIONE DEL LIBRO Per amore La rivoluzione del Rojava vista dalle donne // 25 Venerdì, Novembre h. 18.30

Posted: Novembre 16th, 2016 | Author: | Filed under: General, Iniziative, Spazio Sociale | No Comments »

per-amore“Ho sempre pesato che fosse necessario anche confrontarsi e trarre ispirazione anche da esperienze molto lontane da noi, per poter trovare soluzioni alle contraddizioni che viviamo quotidianamente. Secondo me è necessario comprendere e combinare tra loro diversi punti di vista per ottenere una comprensione generale e profonda, che a sua volta porti ad una pratica finalizzata ad un miglioramento reale della situazione in cui viviamo. È proprio per questo che penso che le vite e le esperienze di donne non molto lontane possano contribuire al dibattito riguardo come costruire il nostro futuro, ed è appunto per questo che le ho raccontate in un libro.
Viaggiando, quindi, si impara. E credo di avere imparato alcune cose (poche, ma pur sempre qualcosa), trascorrendo più di un anno e mezzo in Rojava.
Ho respirato una lotta contro il sistema che ci vuole schiave1, e che usa come primo strumento per farci schiave quello di metterci una contro l’altra, di farci l’una all’altra nemiche. Ho compreso come la migliore difesa contro di questo sia l’amore: è per questo che ho intitolato il libro che ho scritto “per Amore – la rivoluzione del Rojava vista dalle donne”. Uno degli scopi principali di questa lotta è ricomporre la società che il capitalismo vuole distruggere, fare in modo che gli esseri umani si incontrino, ed apprendere assieme come fare a risolvere problemi comuni in maniera collettiva: è per questo che esistono le komine, cellula di base del confederalismo democratico, e tutte le altre assemblee e luoghi di incontro.
Il contrario di capitalismo è società, perché il capitalismo distrugge la società e perché una rete sociale più forte degli interessi personali è antidoto al capitalismo. Nel momento in cui contribuiamo a costruire muri, a mettere distanze tra persone e gruppi, non siamo quindi altro che schiave del sistema.
Ho visto quanto sia importante non chiudere il proprio pensiero e le proprie azioni dentro a dogmi limitanti, come sia importante liberarsene per sperimentare strade nuove. Ho visto come i dogmi con cui cresciamo possono impedirci di comprendere tutto quello che non riusciamo ad incasellare nelle nostre griglie preconcette. Ho anche compreso quanto difficile sia liberarsi di queste letture cariche di pregiudizi che ci impediscono di librarci in aria, ho visto quanto dolore e rabbia possa portare questa lotta interiore per imparare a volare, e quanto splendido e grandioso sia poi il volo. Ho osservato le rotture che può portare rinnegare sé stesse, e in questo senso deve essere chiaro che rompere con i dogmi non significa rinnegare la propria storia: chi rinnega sé stessa e la propria identità non è in grado di volare.
Soprattutto, in Rojava, ho visto che è possibile creare qualche cosa di diverso. Che raccontano bugie quando vogliono farci credere che il mondo capitalista sia l’unica possibile soluzione ai bisogni della gente, o che lo Stato sia l’unica possibile forma di organizzazione. Ho visto che realmente la società può organizzarsi senza uno Stato, che si può dare a ciascuna secondo i suoi bisogni senza necessità dell’accumulazione di capitale. Ho capito che è una strada difficile da percorrere, che in ogni momento è necessario fare autocritica, e non pensare che tutto sia chiaro limpido e incontrovertibile: perché i tranelli sono moltissimi, e dobbiamo essere vigili per non cadere o forti per rialzarci. Ho visto però che una forma di organizzazione sociale diversa e più umana è possibile, è necessaria: sono convinta che sarà il nostro futuro.
Ho poi osservato l’importanza della bellezza. Parafrasando una vecchia frase, “se non c’è bellezza, non è la nostra rivoluzione”. La bellezza è necessaria quanto l’aria che respiriamo, perché la bellezza non è solo la meta, ma soprattutto la strada.
Ho quindi riportato un pezzo di quello che ho imparato in Rojava in questo libro, trascrivendo i racconti delle donne che descrivevano la propria vita. Verrà data voce alle donne del Rojava, sarano loro a raccontare, non io. Ho messo nero su bianco poi alcune delle domande che secondo me questo pezzo di mondo ci pone, senza pensare di aver trovato qui la Verità, ma una realtà da cui è necessario prendere spunti, perché ci pone domande critiche su quello che stiamo costruendo, ci obbliga a riflettere su cosa ci spinge in una certa direzione. Perché non siamo guardiane di braci, che cercano di fare in modo che non si spengano del tutto: siamo invece fuoco ardente, in grado di diffondersi e scaldare ed illuminare il presente ed il futuro.
Nel libro ci sono alcune donne che raccontano la loro storia, come vivevano prima della rivoluzione, come partecipano alla realizzazione di una società democratica, e quali cambiamenti ci sono stati nella loro vita. Queste storie sono intervallate da alcune brevi riflessioni, non volte a portare soluzioni quanto a porre quesiti: che domande pone a noi la rivoluzione del Rojava? Quasi certamente questo testo è incompleto, molto probabilmente si potrebbe fare di più, ma sicuramente è un inizio, un sasso nel lago. Senza pretese, un contributo al dibattito.
Non troverete questo libro nelle librerie, solo nelle presentazioni che verranno organizzate, o al massimo in qualche “banchetto” di compagne. Perché? Perché questo libro è uno strumento, un canale per poterci conoscere, un laccio per avvicinarci. Non serve leggerlo da sole chiuse nella corazza proprio isolamento. Incontriamoci, discutiamone, critichiamoci a vicenda. E facciamo fiorire nuove idee, senza dimenticare le vecchie o rinnegare la storia che ci ha portate ad essere. quello che siamo”.


BOMBARD’ARTI \\ Sabato 24 settembre

Posted: Settembre 19th, 2016 | Author: | Filed under: General, Iniziative, Militarizatzione, Spazio Sociale | No Comments »

1216266_n

BOMBARD’ARTI
La giornata si svolgerà nel campetto abbandonato di Carbonazzi,occupato temporaneamente per lo svolgimento della manifestazione.
La scelta di non chiedere permessi o autorizzazioni nasce dall’intento di voler comunicare in maniera decisa il rifiuto di dialogo burocratico con le istituzioni,la riappropriazione collettiva degli spazi e delle piazze,la voglia di riportare per le strade le tematiche a noi care e la passione per la lotta che da troppi anni è assente.
Tutto questo lo comunicheremo con i mezzi della cultura,dell’arte nelle sue varie forme,del consumo critico,della controinformazione e della cionfra.
Chiediamo ai Turritani e non di partecipare numerosi;la giornata non ha ne padri ne padrini e non è legata a nessun partito politico o a membri delle istituzioni,ma creata dalla collaborazione e dallo sforzo comune in maniera orizzontale ed assembleare con pratiche di autogestione.
Sabato 24 settembre,campetto di Carbonazzi (fianco skatepark)
Durante la giornata :
Bombe coloriche con Sardomuto,Pastorello,Elena Muresu,Blasco,Bk Crew,Dp&Tiak ed altri..
H18:00 Assemblea :
-Resoconto su AForasCamp2016
-Presentazione campeggio No Basi (06-10 ottobre)
https://nobasi.noblogs.org/
H20:30 Barraca & Dj set
Cena preparata dal Collettivo Antispecista Gaia
2 allegati

BENEFIT CAMPEGGI CONTRO LE BASI \\ 20 AGOSTO 2015

Posted: Agosto 31st, 2016 | Author: | Filed under: General, Iniziative, Militarizatzione, Spazio Sociale | No Comments »

Visualizzazione di image3366.png


DUE GIORNI PER DISCUTERE DI LOTTE E RESISTENZE

Posted: Luglio 6th, 2016 | Author: | Filed under: General, Iniziative, Spazio Sociale | No Comments »

 

6 LUGLIO 2017

  1. 19.00

CONTRE LA LOI TRAVAIL ON PREND LA RUE!

Incontro informativo con i compagni di Nantes sulle proteste contro la riforma del lavoro che li hanno visti partecipi a 3 mesi di scioperi, cortei, manifestazioni selvagge, occupazioni di piazze, scuole e università.

 

presso spazio sociale Collettivo S’idealibera, Via Casaggia 12

 

7 LUGLIO 2017

  1. 18.00

LIBRI E FUMETTI “RESISTENTI”: Kairos edizioni presentano:

 

– “Prossima fermata. Una storia per Renato” di Zerocalcare ed Erre Push

La storia a fumetti di Renato Biagetti. Ucciso nel 2006 a Focene, estrema periferia di Roma,da due giovani neofascisti.

 

– “Fiabe Resistenti” racconti del Subcomantante Marcos

Un libro-disco, che attraverso immagini e parole ci introduce in maniera originale e semplice alla cosmovisione zapatista.

presso Raichina, associazione culturale, Via Alghero 19, Sassari

In allegato le locandine con tutte le info.

 

Locandina Contre la loi travail on prend la rue

Locandina presentazione libri illustrati

 

Non mancare!

Collettivo S’idealibera


VENERDI’ 24 Giugno H 18.00 // INCONTRO-DIBATTITO MIGRAZIONI E PROBLEMI LUNGO I CONFINI DELLA ROTTA BALCANICA

Posted: Giugno 19th, 2016 | Author: | Filed under: General, Iniziative, Militarizatzione, Prigioni e dintorni, Spazio Sociale | No Comments »

Attraverso la testimonianza di una compagna, rientrata dal campo profughi di Idomeni ormai sgomberato dalle autorità greche, parleremo della sua esperienza per cercare di aprire un dibattito sulla questione migranti in relazione all’antimilitarismo e all’occupazione militare in Sardegna.
idomeni

La discussione sarà accompagnata dalla proiezione di foto e video.

Il campo profughi di Idomeni ospitava varie migliaia (tra le dieci e le dodicimila persone) di varia nazionalità, curdi, siriani, afghani e iraqueni in fuga dai vari fronti di guerra, nel tentativo di imboccare il corridoio balcanico che li avrebbe potuti condurre in Europa, lontano dalla miseria delle devastaziani che gli interessi dei poteri forti han provocato presso quelle stesse regioni. Le autorità greche del governo tzipras sono intervenute il 24 maggio sgomberando il campo con ruspe e forze dell’ordine e, anzichè provvedere a dotare il campo delle misure necessarie a garantire la dignità dei rifugiati, han proibito l’accesso a medici, avvocati e volontari. I migranti sono stati imbarcati su una quarantina di bus, e circa la metà di loro (quelli cioè che non sono riusciti a sottrarsi alle misure repressive), sono stati deportati presso otto campi adibiti dalle autorità greche all’interno di strutture industriali e concerie, sovraffollate, assolutamente precarie e totalmente inadatte, dopo essere stati divisi per lingua e nazionalità: attualmente queste persone versano in condizioni di profondo disagio, privati d’ogni sorta di servizio (dall’acqua corrente alla luce), senza l’ausilio di equipe sanitarie, con scarsissime razioni sia di acqua e cibo, posti sotto il controllo delle autorità greche nell’attesa del compiersi del loro futuro. Molti sono già stati rimpatriati, molti altri vengono detenuti sotto la soglia della sopravvivenza


SABATO 11 GIUGNO 2016 ore 18.00 Presentazione del libro: L’ANARCHICO DI BARRALI (Quasi) cent’anni di storia per l’anarchica. Biografia di Tomaso Serra Con Costantino Cavalleri

Posted: Giugno 6th, 2016 | Author: | Filed under: General, Iniziative, Spazio Sociale | No Comments »

SABATO 11 GIUGNO 2016 ore 18.00

Presentazione del libro:

L’ANARCHICO DI BARRALI
(Quasi) cent’anni di storia per l’anarchica. Biografia di Tomaso Serra

Con Costantino Cavalleri

“Nel mondo non ci sarà mai la pace, mai l’amore, mai la felicità tra gli uomini, a causa dell’ingiustizia che esiste tra i ricchi e i poveri, creata dalla società medesima”

13310606_1639680563023878_8901438966067076956_nTomaso Serra, anarchico sardo di Lanusei,antifascista, combattente durante la Guerra civile spagnola, uomo instancabile che viaggiò in lungo e in largo per l’Europa per portare avanti gli ideali anarchici di giustizia e fratellanza.
Dopo la partecipazione sui fronti di guerra contro il franchismo e l’esperienza in carcere, ritorna in Sardegna dove fa il contadino e continua a diffondere le idee anarchiche attraverso la propaganda e la pratica.

Negli anni ’60 porta avanti la sua idea di costruzione di una comunità libertaria per anarchici, soprattutto anziani o bisognosi di aiuto.
Nasce così la CAS, Collettività anarchica di Solidarietà che ben presto diventa un punto di riferimento per tutti i compagni della zona e fuori come luogo di discussione e crescita personale.

A lui è dedicato l’Arkiviu bibrioteka T. Serra che si trova a Guasila e che conserva un immenso patrimonio documentario di libri, giornali e altro materiale di carattere politico e storico.


VENERDì 3 GIUGNO – h 18.00 Presentazione del libro “NOI FUMMO I RIBELLI, NOI FUMMO I PREDONI” (schegge autobiografiche di uomini contro) di Belgrado Pedrini con Luca Dolce

Posted: Giugno 2nd, 2016 | Author: | Filed under: General, Iniziative, Spazio Sociale | No Comments »

 

Approfitteremo della presenza di Luca per parlare anche della mobilitazione al Brennero contro la costruzione della nuova frontiera “antimigranti” e delle nuove prospettive di lotta.

presso spazio sociale S’idealibera, Via Casaggia 12, Sassari

Belgrado Pedrini nasce a Carrara il 5 maggio 1913, figlio di Guglielmo. Si avvicinò giovanissimo all’anarchismo attraverso la lettura delle opere di Nietzsche, Stirner, Bakunin, Kropotkin, Malatesta e Cafiero e, assieme ai compagni di Carrara, svolse svariate azioni contro il regime fascista che gli procurarono denuncie e condanne per propaganda clandestina. Nel 1937-38 venne rinchiuso nel penitenziario di Pianosa ove conobbe e strinse amicizia con numerosi detenuti antifascisti, tra i quali il socialista Sandro Pertini. Rimesso in libertà, rientrò nel carrarese impegnandosi nuovamente in un’intensa attività sovversiva. Una sera del 1942, in un’osteria, Pedrini, assieme ai compagni Giovanni Zava e Gino Giorgi, disarmò e schiaffeggiò cinque fascisti. Ricercati dalla milizia, i tre ripararono a Milano dove, nel novembre 1942, vennero sorpresi da una pattuglia di polizia ad attaccare dei manifesti invitanti gli italiani a sollevarsi contro la guerra. Dopo un lungo conflitto a fuoco, i tre riuscirono a dileguarsi e, su un treno merci, raggiunsero Genova prima e La Spezia poi.

image3344

Attivamente ricercati dall’OVRA, e definiti dal giornale Il Popolo d’Italia come pericolosi «malfattori e sabotatori della resistenza morale delle forze armate», Pedrini, Zava e Giorgi vennero intercettati da alcuni agenti di PS in una pensione della città ligure. Ne scaturì un conflitto a fuoco che si protrasse per diverse ore e si concluse con l’arresto dei tre anarchici, gravemente feriti, e la morte di un poliziotto. Tradotti al carcere di La Spezia, nel 1943 vennero trasferiti in quello di Massa, in attesa del processo e della certa fucilazione. Nel giugno del 1944, alcuni partigiani della formazione “Elio” con una fulminea azione riuscirono a liberare i detenuti del carcere massese, sicché Pedrini decise di unirsi a loro nella lotta contro i fascisti e i tedeschi. Prese parte a numerosi combattimenti e a svariate azioni di sabotaggio svolte da detta formazione partigiana nel comprensorio apuano. All’indomani della liberazione, nel maggio 1945, Pedrini venne nuovamente arrestato per i fatti accaduti nel 1942 a La Spezia. Misconoscendo la valenza politica di tali avvenimenti, la magistratura repubblicana condannò Pedrini, nel maggio 1949, all’ergastolo, pena che venne poi commutata in trent’anni di reclusione. Continuamente trasferito da un carcere all’altro, a causa dei suoi tentativi di evasione e delle numerose rivolte fomentate, Pedrini si dedicò allo studio dei classici della letteratura e della filosofia. Brillante autodidatta, compose, tra un letto di contenzione e una cella d’isolamento, numerose poesie, tra cui Schiavi – scritta nel 1967 a Fossombrone – che, musicata, diventerà celebre all’interno del movimento anarchico col titolo de Il Galeone. Riacquistata la libertà il 17 aprile 1975, grazie anche ad un’intensa campagna internazionale per la sua scarcerazione portata avanti dagli anarchici, Pedrini riprese immediatamente la sua attività sovversiva e, assieme ai propri compagni di fede – tra cui Giovanni Mariga, Zava e Goliardo Fiaschi –, aprì a Carrara il Circolo Culturale Anarchico prima e il Circolo Anarchico “Bruno Filippi” poi. Redasse numerosissimi manifesti e volantini, s’impegnò nella ristampa dello scritto di Bruno Filippi L’iconoclasta (1978) e nella realizzazione di un giornale, L’Amico del Popolo, che vedrà la luce qualche mese dopo la sua scomparsa. Belgrado Pedrini morì a Carrara l’11 febbraio 1979.


28-29 MAGGIO h 17, UMPAREMMU “atopu di ciarra puritigga” // ANARCHISMO [giornate conclusive]

Posted: Maggio 25th, 2016 | Author: | Filed under: General, Iniziative, Spazio Sociale | No Comments »

Si chiude il ciclo di UMPAREMMU “incontri di chiacchera politica” contro lo svuotamento concettuale del nostro linguaggio politico corrente, dopo le giornate su socialismo,comunismo e indipendentismo (rispettivamente introdotte da Cristiamo Sabino e Andria Pili), con le giornate del 28 e del 29 dedicate all’ anarchismo, alla sua storia, quella dei suoi movimenti e delle sue personalità. Introduce all’argomento Costantino Cavalleri. L’appuntamento è alle h 17.00 presso lo spazio sociale s’idealibera, via Casaggia 12, Sassari vèciu.

13179452_1621119501546651_6161037594197792592_nribes


VENERDì 3 GIUGNO – h 18.00 // Presentazione del libro “NOI FUMMO I RIBELLI, NOI FUMMO I PREDONI” (schegge autobiografiche di uomini contro) di Belgrado Pedrini con Luca Dolce

Posted: Maggio 24th, 2016 | Author: | Filed under: General, Iniziative, Spazio Sociale | No Comments »

image3344


6-7/ 21/ 28-29 Maggio “Umparemmu” presso lo spazio sociale s’idealibera!

Posted: Maggio 2nd, 2016 | Author: | Filed under: General, Iniziative, Spazio Sociale | No Comments »

UMPAREMMU

CICLO DI FORMAZIONE POLITICA

 

A cura del Collettivo S’idealibera
presso lo spazio sociale in Via Casaggia 12, Sassari

 

Abbiamo deciso di organizzare una serie di discussioni mirate ad un dialogo su alcuni temi politici, storici e filosofici a noi cari, sentendo la necessità di fare chiarezza su alcuni termini imprescindibili del nostro agire, col fine di leggerne assieme il significato e crescere reciprocamente.

Di volta in volta discuteremo tematiche come ad esempio: rivoluzione e rivolta, socialismo -anarchismo e comunismo-, autodeterminazione dei popoli, anticolonialismo e indipendenza, lotte di emancipazione sociale e autodeterminazione dell’individuo, sistema carcerario e repressione.

Vogliamo evitare lo svuotamento concettuale del nostro linguaggio politico corrente, il cui lessico ha sofferto di impoverimento, banalizzazione e mistificazione negli ultimi quarant’anni creando una generazione politicamente analfabeta, fatalista e qualunquista.

Vogliamo riportare la discussione politica nella vita quotidiana, partendo dai concetti e dalle contraddizioni di base, adoperandoci affinché la discussione non sia circoscritta agli incontri ma continui a crescere fuori da essi, facendo nascere nuove analisi, una nuova estetica e nuovi modi di comunicare.

Come stimolo aggiunto alla discussione sarà presente per ogni incontro un ospite scelto dal collettivo per la sua preparazione sull’argomento.
Gli incontri non saranno lezioni, ma una discussione orizzontale ed assembleare di crescita collettiva e scambio reciproco.

A lenu a lenu ma sighimmu!

6-7 MAGGIO
H. 17.00 IL SOCIALISMO SCIENTIFICO
con Cristiano Sabino

21 MAGGIO
H. 17.00 INDIPENDENTISMO
con Andria Pili

28-29 MAGGIO
H 18.00 ANARCHISMO
con Costantino Cavalleri

 


“ZUDDAS alias Resy” di Valeria Patanè Spagna /Italia 2013 documentario 30’

Posted: Maggio 2nd, 2016 | Author: | Filed under: General, Iniziative, Spazio Sociale | No Comments »

Il cineforum del collettivo s’idealiber giovedì 12 maggio alle ore 18.00

ha il piacere di presentare

zuddas

il documentario, girato in Sardegna e in Spagna nel 2013, ripercorre alcune tappe cruciali della vita di Giuseppe Zuddas, sulla base di una ricerca condotta dall’autrice negli archivi storici e in loco, nelle zone dove Zuddas ha combattuto ed è morto.
Giuseppe Zuddas, nato a Monserrato nel 1898, da una famiglia di agricoltori, nel 1922 era il segretario regionale della “Gioventù Sardista”. Dopo l’avvento del fascismo emigrò in Francia e nel 1936 con altri antifascisti italiani, nelle milizie di “Giustizia e Libertà”, accorse in soccorso della Repubblica spagnola e in quella terra perse la vita.


Presentazione “Sardegna, il tramonto di un paradiso”

Posted: Marzo 9th, 2016 | Author: | Filed under: General, Iniziative, Spazio Sociale | No Comments »

Proiezione del lungometraggio documentario documentario: “Sardegna, il tramonto di un paradiso”Giovedì 10 marzo H 18.00 presso lo spazio sociale autogestito del collettivo S’idealibera, via Casaggia 12 (Sassari)

stop

Presentazione del lungometraggio documentario”Sardegna, il tramonto di un paradis”, regia di Carlo Gaspa, realizzato dal gruppo di lavoro indipendente Lion’s Lab di Sassari, co-ideato da Shary Arca e Carlo Gaspa, co-prodotto da Luciano Bulla e Christian Secci, co-finanziato da altri 172 sostenitori.

Seguirà una discussione aperta con gli stessi realizzatori, accompagnata da aperitivo genuino e clandestino offerto dai ragazzi di Piantagrano (orto collettivo Alghero-SS) e music


Proiezione documentario “Sardegna, il tramonto di un paradiso”

Posted: Marzo 5th, 2016 | Author: | Filed under: General, Iniziative, Spazio Sociale | No Comments »

Giovedì 10 marzo H 18.00 presso lo spazio sociale autogestito del collettivo S’idealibera, via Casaggia 12 (Sassari)

stopPresentazione del lungometraggio documentario”Sardegna, il tramonto di un paradis”, regia di Carlo Gaspa, realizzato dal gruppo di lavoro indipendente Lion’s Lab di Sassari, co-ideato da Shary Arca e Carlo Gaspa, co-prodotto da Luciano Bulla e Christian Secci, co-finanziato da altri 172 sostenitori.

Seguirà una discussione aperta con gli stessi realizzatori, accompagnata da aperitivo genuino e clandestino offerto dai ragazzi di Piantagrano (orto collettivo Alghero-SS) e musica.


Presentazione opuscolo informativo sul T.S.O.a cura del collettivo antipsichiatrico Francesco Mastrogiovanni

Posted: Febbraio 18th, 2016 | Author: | Filed under: Dossier, General, Iniziative, Prigioni e dintorni, Spazio Sociale | No Comments »

Presentazione dell’opuscolo informativo sul Trattamento Sanitario Obbligatorio a cura del Coll. Antipsichiatrico Francesco Mastrogiovanni (Torino).

12669508_1564290933896175_3981256622522154660_nChiaccherata con un compagno del collettivo Mastrogiovanni per capirci di più su come funziona il TSO, come evitarlo, come provare a uscirne;ma anche sul ruolo della psichitria coercitiva nella nostra società, sugli psicofarmaci, sulle REMS,
sulla critica e sulla lotta all’apparato psichiatrico.

A seguire avremo un concerto in acustico con canzoni di protesta,popolari ed antipsichiatriche (ilDeposito.org – Canti di protesta politica e sociale) bagnate da vino come si tocca asciugato dall’aperitivo offerto dal Collettivo Piantagrano.

https://distroteca.noblogs.org/files/2015/05/guida-TSO.pdf

Culletivu S’IdeaLìbera
Pubblicato da Pietro Rigosi · 8 febbraio alle ore 10:00 ·

Prisintadda di lu libbretu d’infòimmu “Trattamento Sanitario Obbligatorio” di lu “Collettivo Antipsichiatrico Francesco Mastrogiovanni” di Torinu.

Ciarra umpari ad unu cumpagnu di lu culletibu Mastrogiovanni pa cumprindì megliu cumenti funtziona lu TSO,cumenti cansallu,cumenti prubà ad iscitzi;ma fintza a lu rollu di la psichiatria ubbrigadda ì la sutziaddai nosthra,innantu a li psicomidizini,innantu a li REMS,innantu a la crìtiga e la cumbata di l’aparaddu psichiatrigu.

A sighì abaremu unu cuntzerthu in acusthigu cun canti di prutestha,pobburari ed antipsichiatrighi ( ilDeposito.org – Canti di protesta politica e sociale ) infusi di vinu bonu asciutaddu da l’abbristhògamu ufferthu da lu “Collettivo Piantagrano”.

https://distroteca.noblogs.org/files/2015/05/guida-TSO.pdf


La lotta dei NO MUOS

Posted: Dicembre 8th, 2015 | Author: | Filed under: General, Iniziative, Manifesti, Spazio Sociale | No Comments »

okkello


La lotta dei No Muos

Posted: Dicembre 7th, 2015 | Author: | Filed under: General, Iniziative, Spazio Sociale | No Comments »

 18389_a38871Sabato 12 Dicembre 2015

16 anni di lotta contro la stazione MUOS di Niscemi, emblema delle nocività e delle servitù militari in Sicilia, raccontati dalla voce dei protagonisti.

Ore 18.00 proiezione del documentario “Come il fuoco sotto la brace”

Ore 19.00 dibattito con Massimo Coraddu (Consulente esterno del dipartimento di Energetica del Politecnico di Torino, autore insieme a M.Zucchetti dell’analisi e degli studi sui rischi generati dal MUOS)

A seguire buffet di autofinanziamento con cibo e vino genuino!

Presso spazio sociale del collettivo S’idealibera, Via Casaggia 12 (Centro storico), Sassari

INFO: http://sidealibera.noblogs.org & evaliber@autistici.org


Cassa spese legali per il movimento contro la militarizzazione

Posted: Dicembre 3rd, 2015 | Author: | Filed under: General, Militarizatzione, Spazio Sociale | No Comments »

 

Alla luce della repressione che sta colpendo le persone impegnate nella lotta antimilitarista abbiamo deciso si aprire una cassa che consenta di coprire le spese legali di quanti di noi rimangono colpiti.

Per non lasciare indietro nessuno.

Per bonifici:

IBAN IT29I0760105138251929251931

Intestatario: Alessia Tranquilli

Per ricariche PostePay (da effettuarsi in posta e non nelle ricevitorie):

Numero carta: 5333 1710 1182 3339


Dopo il 3 novembre: prospettive di lotta contro le servitù militari

Posted: Novembre 9th, 2015 | Author: | Filed under: General, Inforadio, Iniziative, Manifesti, Militarizatzione, Spazio Sociale | No Comments »

Giovedì 12 novembre, dalle ore 18.00 assemblea aperta sulla manifestazione del 3 svoltasi a Teulada per discutere assieme e confrontare nuove prospettive di lotta e di rilancio contro le basi e l’occupazione militare.

Alla sede del collettivo s’idea libera (via casaggia 12).

A seguire aperitivo di autofinanziamento x sostenere le spese legali dei compagni e delle compagne denunciate.

Collegamento con una compagna che da un aggiornamento sul corteo contro la NATO indetto per la mattinata di oggi (3 novembre) dal comitato No Basi Ne qui Ne Altrove, per tutta la mattina fino alle 11.30 ora dell’ultimo collegamento

ok 12226996_10207862626432533_4046651710611318356_n

 


Mercoledì 28 ottobre: presentazione manifestazione teulada 3 novembre contro la NATO TJ2015

Posted: Ottobre 22nd, 2015 | Author: | Filed under: Dossier, General, Iniziative, Manifesti, Militarizatzione, Spazio Sociale | No Comments »

MERCOLEDI’ 28 OTTOBRE
ORE 18.00

presso il Centro sociale del collettivo S’idealibera (Via Casaggia 12, Sassari)

PRESENTAZIONE DELLA
MANIFESTAZIONE ANTIMILITARISTA CONTRO LA TRIDENT JUNCTURE
(3 NOVEMBRE POLIGONO CAPO TEULADA)

La Trident Juncture 2015, la più imponente esercitazione NATO degli ultimi 15 anni, arriva al culmine e conclude una intensissima stagione di esercitazioni e addestramenti, programmata dall’alleanza per tutto il 2015. L’esercitazione coinvolge 33 Stati, ed è ospitata nei poligoni, nelle basi navali e negli aeroporti militari di Portogallo, Spagna e Italia.
La fase preparatoria dell’esercitazione è cominciata da tempo, mentre dal 3 Ottobre ci troviamo in una fase di “simulazione” e organizzazione dei comandi. La fase operativa a fuoco avrà inizio il 21 ottobre e proseguirà sino al 6 novembre, i centri principali in Italia saranno il comando JFC di Lago Patria (Napoli), il poligono di Capo Teulada in Sardegna e l’aeroporto di Trapani Birgi in Sicilia (che sarà affiancato da altri cinque aeroporti militari: Sigonella, Decimomannu, Amendola, Pratica di Mare e Pisa-Grossetto).
È uno scenario che richiede uno sforzo di consapevolezza e la volontà di agire.
Riteniamo sia necessario continuare ad opporre alle attività militari, per tutta la durata dell’esercitazione, comprese le fasi preparatorie, iniziative e mobilitazioni contro la guerra, le sue strutture, la sua economia, la sua celebrazione (come quella del 4 di novembre) e contro la presenza della NATO, da attuarsi ovunque possibile. In Europa molte sono state e, a breve, saranno le iniziative e le mobilitazioni contro la TJ015, da Cagliari a Napoli, da Marsala a Saragozza.
Nell’ambito di questa ampia mobilitazione la rete No Basi Né Qui Né Altrove si propone di agire il 3 Novembre su uno dei principali teatri di guerra in Italia, il poligono di Capo Teulada, dove è previsto il bombardamento delle flotte NATO contro la costa sarda, lo sbarco di reparti anfibi italiani, USA e del Regno Unito, lo schieramento di reparti di terra che si dispongono a sparare, bombardare e distruggere con ogni tipo di armamento disponibile.
Ci presenteremo, come sempre, con l’obiettivo di inceppare la macchina bellica ed ostacolare lo svolgimento dell’esercitazione, solidali con tutte le altre realtà di lotta antimilitarista ed antimperialista che si preparano a fare altrettanto.
Ripetiamo il nostro appello ad agire sui luoghi della guerra, possibilmente negli stessi giorni, sia per accrescere l’efficacia dell’azione sia per rendere più chiara la volontà generale e diffusa di opporsi e sabotare questo abominio.
MANIFESTAZIONE AL POLIGONO DI CAPO TEULADA
3 NOVEMBRE ORE 10.30
CONCENTRAMENTO PORTO PINO (Sant’Anna Arresi) Via della I spiaggia
PARTECIPIAMO NUMEROSI ALLA MANIFESTAZIONE A TEULADA
IL 3 NOVEMBRE!
NESSUNA PACE PER CHI VIVE DI GUERRA
A FORAS SA NATO DAE SA SARDIGNA E DAE SU MUNDU!!
Contatti:
collettivo S’idealibera: https://sidealibera.noblogs.org/ evaliber@autistici.org
rete nobasi: no basi né qui né altrove nobasinoborder@gmail.com

12168170_10207521264605270_852937039_n


Presentazione della manifestazione antimilitarsita a Teulada novembre

Posted: Ottobre 10th, 2015 | Author: | Filed under: General, Iniziative, Militarizatzione, Spazio Sociale | No Comments »

MERCOLEDI’ 28 OTTOBRE
ORE 18.00

presso il Centro sociale del collettivo S’idealibera (Via Casaggia 12, Sassari)

PRESENTAZIONE DELLA
MANIFESTAZIONE ANTIMILITARISTA CONTRO LA TRIDENT JUNCTURE  (3 NOVEMBRE POLIGONO CAPO TEULADA)

La Trident Juncture 2015, la più imponente esercitazione NATO degli ultimi 15 anni, arriva al culmine e conclude una intensissima stagione di esercitazioni e addestramenti, programmata dall’alleanza per tutto il 2015. L’esercitazione coinvolge 33 Stati, ed è ospitata nei poligoni, nelle basi navali e negli aeroporti militari di Portogallo, Spagna e Italia.
La fase preparatoria dell’esercitazione è cominciata da tempo, mentre dal 3 Ottobre ci troviamo in una fase di “simulazione” e organizzazione dei comandi. La fase operativa a fuoco avrà inizio il 21 ottobre e proseguirà sino al 6 novembre, i centri principali in Italia saranno il comando JFC di Lago Patria (Napoli), il poligono di Capo Teulada in Sardegna e l’aeroporto di Trapani Birgi in Sicilia (che sarà affiancato da altri cinque aeroporti militari: Sigonella, Decimomannu, Amendola, Pratica di Mare e Pisa-Grossetto).
È uno scenario che richiede uno sforzo di consapevolezza e la volontà di agire.
Riteniamo sia necessario continuare ad opporre alle attività militari, per tutta la durata dell’esercitazione, comprese le fasi preparatorie, iniziative e mobilitazioni contro la guerra, le sue strutture, la sua economia, la sua celebrazione (come quella del 4 di novembre) e contro la presenza della NATO, da attuarsi ovunque possibile. In Europa molte sono state e, a breve, saranno le iniziative e le mobilitazioni contro la TJ015, da Cagliari a Napoli, da Marsala a Saragozza.
Nell’ambito di questa ampia mobilitazione la rete No Basi Né Qui Né Altrove si propone di agire il 3 Novembre su uno dei principali teatri di guerra in Italia, il poligono di Capo Teulada, dove è previsto il bombardamento delle flotte NATO contro la costa sarda, lo sbarco di reparti anfibi italiani, USA e del Regno Unito, lo schieramento di reparti di terra che si dispongono a sparare, bombardare e distruggere con ogni tipo di armamento disponibile.
Ci presenteremo, come sempre, con l’obiettivo di inceppare la macchina bellica ed ostacolare lo svolgimento dell’esercitazione, solidali con tutte le altre realtà di lotta antimilitarista ed antimperialista che si preparano a fare altrettanto.
Ripetiamo il nostro appello ad agire sui luoghi della guerra, possibilmente negli stessi giorni, sia per accrescere l’efficacia dell’azione sia per rendere più chiara la volontà generale e diffusa di opporsi e sabotare questo abominio.
MANIFESTAZIONE AL POLIGONO DI CAPO TEULADA
3 NOVEMBRE ORE 10.30
CONCENTRAMENTO PORTO PINO (Sant’Anna Arresi) Via della I spiaggia
PARTECIPIAMO NUMEROSI ALLA MANIFESTAZIONE A TEULADA
IL 3 NOVEMBRE!
NESSUNA PACE PER CHI VIVE DI GUERRA
A FORAS SA NATO DAE SA SARDIGNA E DAE SU MUNDU!!
Contatti:
collettivo S’idealibera: https://sidealibera.noblogs.org/ evaliber@autistici.org
rete nobasi: no basi né qui né altrove nobasinoborder@gmail.com

 


Presentazione campeggio antimilitarista

Posted: Ottobre 1st, 2015 | Author: | Filed under: General, Iniziative, Militarizatzione, Spazio Sociale | No Comments »

VENERDÌ 2 OTTOBRE ORE 18.00

Presentazione del campeggio antimilitarista indetto dal coordinamento No Basi nè qui nè altrove per i giorni 9,10 e 11 ottobre in zona Cagliari.

Tre giorni di mobilitazioni in occasione dell’esercitazione Trident Juncture, per ribadire totale dissenso verso chi trae profitti dalle guerre e chi specula sulla vita e la morte, chi prende parte, investe e contribuisce in favore di  un mercato della distruzione, verso chi manipola la realtà per distorcela o celarla in proprio favore, annegando le verità nel silenzio.

Aperitivo benefit & distro contro informazione

Spazio sociale S’Idea Libera; Via Casaggia 12 (SS)

Tutt* invitat*

INFO

afp84515950307081202_big

 


Aibberthu pa’ la Faradda

Posted: Agosto 6th, 2015 | Author: | Filed under: General, Spazio Sociale | No Comments »

Aibberthu pa' la Faradda